Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2011

Stefano Alinari

Firenze. Da domani 27 maggio fino al 3 giugno 2011 (Limonaia di Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3) la mostra Spaziocorpo, il gioiello contemporaneo tra passato e futuro, i gioielli di Stefano Alinari. In occasione dell’inaugurazione di domani ci sarà anche a premiazione dei vincitori del concorso SOGNI… D’ORO; concezione di gioielli di materiali vari non necessariamente preziosi  di cui avevo parlato qualche tempo fa e destinato ai giovani dai 18 ai 30 anni.

Beppe Kessler

Berlino. Beppe Kessler ed Elisabeth Krampe sono in mostra alla Galerie Stühler da sabato 28 maggio fino al 2 luglio.

Elisabeth Krampe

Stoccolma. Galleria Platina: continua fino al 18 giugno la mostra Paradise regained dedicata all’artista estone Tanel Veenre.

Tanel Veenre

Modena. Galleria Mies: fino al 20 giugno la mostra SCHMUCK/gioielli dedicata allo “storico” orafo Karl Heinz Reister (medaglia d’argento alla Triennale di Milano del 1973) che accosta acciaio, ferro, ceramica ai metalli nobili per creare piccole “sculture”.

Karl Heinz Reister

Vicenza. Prosegue la mostra Stefano Marchetti, oreficerie (1989-2011) a Casa Cogollo detta del Palladio (corso Palladio 168) fino al 17 luglio. Leggo dal comunicato stampa che sono esposti anche i alcuni pezzi che non lo erano mai stati prima. Solo due parole per chi non dovesse conoscerlo: Stefano Marchetti è fra i più noti artisti della generazione dei quarantenni della Scuola padovana. Vedi alla voce mokume gane e shibuichi. Spettacolari.

Stefano Marchetti

Read Full Post »

Shannon Guo

Si parla di futuro. Il futuro è già qui. Chi è stato e ha vissuto a Shanghai mi dice che è così. La metropoli immensa (solo per uscire ti ci vuole tutto il weekend… esagero un po’), i grattacieli (abitare a un piano molto alto è consigliabile se vuoi sfuggire alle zanzare), i luoghi dove tutto può essere fatto costruito in un batter d’occhio, basta volerlo e saperlo spiegare. Visione occidentale questa? Sì, sicuramente. Comunque, fascino per un mondo che ci spiazza tutti quanti. Mi sono chiesta: in questo ambiente di velocità, ove modernità frenetica, passato, contraddizioni sono la quotidianità esiste il “gioiello contemporaneo” o il mondo delle perle e della giada prevale su tutto? Esiste un percorso artistico, esistono scuole che insegnino tecniche e progetto, esistono gallerie?  Soprattutto, esiste interesse? Trovare l’interlocutore giusto non è stao facile, questa mia ricerca va avanti da mesi, ma ce l’ho fatta. Si chiama Shannon Guo, artista, dopo studi e due master negli Stati Uniti all’Indiana University of Pennslyvania, ha portato l’insegnamento di gioiello d’arte all’Università di Shanghai. È curatore (e fondatore) della twocities gallery. L’intervista che segiue è ovviamente in inglese e come vedrete ho messo anche molte immagini che sono “divise” in sostanza in tre gruppi: gli artisti “giovani” (rappresentati spesso dalla galleria), i guru del gioiello cinese (spesso insegnanti nelle varie facoltà sul territorio cinese), alcuni tra gli artisti occidentali ammirati dall’intervistata (tra gli italiani, Giovanni Corvaja).

Shannon Guo

What is the current trend in Chinese contemporary jewelry?

Starting from about 15 years ago some art institute began to build jewelry and metals programs for higher education.  We now have about 15 to 20 schools that have the program. The majority of the faculty who built the program studied abroad and have returned.  Some studied jewelry and metals, others majored in fashion design, sculpture or multi-materials. They are now the main driving force in the contemporary jewelry scene and are experimenting with different ways of running the program. Some emphasize the conceptual and artistic side of jewelry. Some are closely connected with jewelry companies and are working with them on design projects.  We see more and more individual designer’s brand, or more design-focused brand in the market now.  Faculty and students are the main group of people who create  one-of-a-kind conceptual jewelry pieces. We have small exhibitions among these artists that are usually organized by schools. The twocities gallery is one of the few galleries that promotes art jewelry.

Cheng Xiang

Is there a typical Chinese way of making c.j?

China has a long history of making jewelry. We have rich traditions, especially minority groups such as Miao who make very unique jewelry pieces. The most commonly used technique nowadays are chasing and repoussé, filigree is still very popular, and of course the Chinese have been very facinated with jade stone, usually carved and set in gold. It’s still very much in demand in the market.

Lv Zhongquan

Do young artists of c.j. take inspiration from traditional far-eastern imagery?

Yes, more and more young artists are turning to traditional Chinese imagery that speaks well to the people and the culture. Especially with the economic growth which heightens more awareness of our rich history.

Xu Jiaying

Which techniques do they use most?

Most of them still use basic techniques such as piercing/chasing and repoussé, a lot of soldering and casting techniques and of course, stone setting is also an important technique.

Tang Xu Xiang

What differences do you see between Western and Eastern c.j., if any?

I think the differences are mild, especially with the heavy influence of the western modern jewelry concept, but Eastern jewelry artists tend to take inspiration from their traditional culture and use more and more traditonal imagery. Western Jewelry artists are freer in using techniques and design concepts.  Technique wise, I don’t see that much of a difference even in the metal raising technique which is very much similiar.

Huang Xiao Wang

Do you have some artists you consider to be representative of Chinese c.j.?

Wang Zheng Hong

I think of myself, professor Tang Xu Xiang from the Fine Arts college of Qing Hua University, professor Teng Fei from the Central Academy for the Fine Art, Wang ke Zhen and Zheng Jing from the Nan Jing Art Institute, Wang Zheng Hong and Huang Xiao Wang from the The Chinese Academy for the Arts in Hang Zhou…as the most represented in shows and publicatons related to contemporary jewelry.

Zheng Jing

 Who are the gurus of C.c.j.?

All of the above would be consider pioneers in the young contemporary jewelry field.

Wang ke Zhen

Is there a real “market” for c.j. in China or does this kind of artistic production remain more “cultural” than “commercial”?

There is a growing market for contemporary jewelry here, but it depends on how you define “contemporary”. There are pieces with good, modern design concepts such as new forms, new materials…etc. Some are one-of-a-kind and some are limited pieces. The very conceptual and artistic type don’t sell at this point, but are usually just for exhibitions.  In Shanghai we have about five stores that work with individual designers and show some contemporary pieces.

Teng Fei

What kind of educational program would you recommend to young artists in both China or other parts of the world?

I would recommend jewelry programs that teach solid foundation of jewelry making techniqes while exploring new design concepts.  Programs what are balanced with conceptual creation and some commercial training opportunities so that students have more options after graduation.  They can be both designers and artist; designers that understand the market and are willing to accomodate with it in the design process, while maintaining their own unique signature and having the skills to work on their own (both design and making).

Giovanni Corvaja

 In Europe and US there are c.j. fairs (in Munich, London, New York, Chicago…): does China host any similar fairs?

China has some jewelry fairs, but they are mostly commercial based.  Not many individual designers or artists are represented on the fairs.

Linda La Roche

Who are the foreign artists you particulary admire?

I have several foreign jewelry artists that I admire. Professor Lynda La Roche, Pat Flynn, Giovanni Corvaja, Namu Cho, Biba Schuts, Roberta and David Williamson are among them.

Roberta e David Williamson

In Munich I saw the work of a Chinese artist, Yi Liu, student at School of Jewelry in Birmingham (UK). Do you know him?

I don’t know him, but I do know that Wang  Ke Zhen and Huang Xiao Wang (mentioned above) are graduated from Birmingham, which has a pre-graduate school program in Shanghai, where Chinese students can train for a year before they enter the master program in the UK.  The teacher is Lisa Juen, I invited her to be in a contemporary jewelry show which I curated about two years ago.

Lisa Juen

Read Full Post »

Gli angeli di Guariento

Se arrivi a Padova in questi giorni sei ricevuto da un nutrito gruppo di angeli. Sì sul serio proprio angeli, vestiti da principi e con una aureolona dorata che ti toglie subito ogni dubbio sulla loro natura. E non solo. Gli angeli ti accolgono alla stazione e ti guidano un po’ per tutta la città.

Annamaria Zanella

Con un po’ di soggezione – ammetto – li si può seguire in un percorso di mostre (fino a luglio) che ripropongono la splendore e la potenza della città nel Trecento  quando era governata dai nobili Carraresi che – commissiona a destra, commissiona a sinistra – diedero un impulso maestoso all’arte. Pittore simbolo dell’epoca, Guariento autore, appunto, dei famossismi angeli guerrieri.

Graziano Visintin

Gli angeli ci portano anche all’Oratorio di San Rocco con la mostra dal titolo bello lunghetto Castelli, miniature, astri ed alchimia la Padova carrarese nel gioiello contemporaneo (fino al 14 luglio). Circa 60 artisti da tutto il mondo, ciascuno con un’opera hanno lavorato su questo tema per il Premio Internazionale Mario Pinton (grande maestro e docente dell’Istituto d’Arte P. Selvatico di Padova, scomparso nel 2008) alla sua prima edizione.

Barbara Paganin

Le suggetioni, gli spunti sono molti e molto diversi tra loro. Dall’ala imponente di Annamaria Zanella, alle geometrie in bilico di Graziano Visintin (il vincitore) al bracciale libretto di Silvia Waltz che si chiama El Secretum o De secreto conflictu mearum curarum. Molto gotico.

Piergiuliano Raveane

La spilla di Barbara Paganin riproduce perfettamente il caminetto del castello dei Carraresi a Monselice (se non mi ricordo male!); la spilla Big Bubble di Fabrizio Tridenti è un riuscito connubio tra un profilo aristocratico e un palloncino di gomma da masticare nello spirito del cammeo a fondo nero. Solo per darvi qualche esempio.

Renzo Pasquale

Nello spirito di questo itinerario trecentesco c’è anche la mostra Omaggio a Guariento dedicata all’oro contemporaneo dalla galleria GR20 di Graziella Folchini Grassetto con alcuni pezzi “storici” strepitosi. Io sono rimasta folgorata per esempio dalla spilla del 1991-92 Vibrazioni cromatiche di Francesco Pavan!

Francesco Pavan

Read Full Post »

Susanne Klemm

Mi ero abituata a pensare al lavoro di Susanne Klemm tutto in bianco (anche nero, veramente). Errore. A Collect la galleria olandese Ra ha portato i suoi nuovi anelli verdi sfumati (di vetro) e i bracciali in resina. Quando li ho visti ho pensato a ninfee su un laghetto.

Sylvia Blickman

Per “associazione visiva” ecco anche la distesa di viole del pensiero dell’artista olandese Sylvia Blickman in mostra fino a pochi giorni fa ad Amsterdam (sempre alla Ra).

Read Full Post »

Emmeline Hastings

Sono piccole lame di luce quelle che Emmeline Hastings (presentata da Lesley Craze Gallery) conficca nel perspex (effetto cristallo di rocca o cubetto di ghiaccio, secondo i gusti).

Riflessi "taglienti"

Sono ora di titanio ora d’oro: l’effetto che provocano è quello di attirare attenzione e riflessi proprio lì in quell’angolo degli orecchini, della collana, dell’anello. Come se una sirena dispettosa, con un colpo di coda, si fosse divertita a lasciare qua e là tracce di sé.

Emmeline Hastings a Collect 2011

Read Full Post »

Braccialetto di Giovanni Corvaja

Mi sorprende sempre Giovanni Corvaja con la sua continua sfida al microscopio, questa volta a caccia dell’origine della vita. Mi ha mostrato un’opera, che ho fotografato così (qui sopra)  per mostrarvi in che modo si apre. Quelli che sembrano filamenti di smalto nero sono – visti attraverso l’inevitabile lentino e per stessa definizione dell’artista – la rappresentazione di iper realistici spermatozoi. Nota Bene: il braccialetto è grande, consistente, ma leggerissimo al polso.

La vetrina con le opere di Giovanni Corvaja a Collect 2011

Nella foto qui sopra vedete le sue opere in esposizione nello stand della galleria londinese Adrian Sassoon. A destra sul piedistallino riconoscete la spilla acquisita da un museo britannico grazie all’Art Fund ( di cui vi ho parlato qualche giorno fa)  e, a sinistra, un braccialetto in versione chiusa, compagno di quello “con spermatozoi”, ma con smalti di tanti colori.

Read Full Post »

Lo spazio di Alternatives a Collect 2011

Solo un piccolo flash per mostrarvi le immagini della galleria romana Alternatives di cui vi avevo dato le anticipazioni per Collect. Alle pareti le fotografie di Mario Guerra che racconta i particolari di luci e ombre di gioielli che diventano giganti davanti al suo obiettivo.

Le fotografie sono di Mario Guerra

E questo bel giovane in bianco e nero? Il viso del ragazzo non lo conosco, ma il baffo-tappezzeria sì. È la creazione di Eugenia Ingegno (del cui lavoro baffuto ho già parlato in questo blog) in versione cartoncino+spilla per collezionisti spiritosi. La fantasia è da adattare all’umore.

I baffi di Eugenia Ingegno

Read Full Post »

Older Posts »