Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Mostra-mercato’ Category


A Torino, la mostra Dieci incanti 2

A Torino, la mostra Dieci incanti 2

Comincio con Torino, di cui ho parlato ieri segnalandovi la mostra su Bruno Martinazzi e dove, in via Villa Glori 6,  fino al 30 maggio potete visitare anche la collettiva Dieci incanti 2 con Bagog, Fernando Betto, Luisa Bruni, Jewelry Green, Manu Mara, Manuganda, Annie Sibert, Tomoko Tokuda, U-chic, Gabi Veit e Laura Volpi. Alla mostra si aggiunge un workshop di modellazione a cera persa nel quale Luisa Bruni ci insegna a creare un gioiello personale da sfoggiare quest’estate. Trovate tutte le info di luoghi e orari sul sito internocortile.it

Gabi Veit

Liana Pattihis

Passo poi alle colline del piacentino (nel territorio della val Tidone come mi precisa la curatrice Eliana Negroni) con l’edizione 2014 di Gioielli in Fermento. Già il 4 maggio sono stati proclamati i vincitori (Liana Pattihis e Olivia Monti Arduini) e i premiati con menzioni speciali (Claudia Steiner, Nicoletta Frigerio, Lucilla Giovanninetti, Sergio e Stefano Spivach e Akis Goumas), ma la mostra continua fino al 22 maggio. Poi il tour prosegue per tutto il 2014 a Locarno, Barcellona e in gallerie di Milano e Piacenza.

Olivia Monti Arduini

 

Read Full Post »

Reflet(s) al Palais de Tokyo

Reflet(s) al Palais de Tokyo

Un riscaldamento di lusso, effettivamente. In una grande “palestra” che si chiama Palais de Tokyo. Il gioiello a Parigi fa i suoi esercizi preparatori per essere pronto al lavoro che lo aspetta, da settembre in poi, con mostre, incontri, dibattiti che lo vedranno assolutamente protagonista.

Louise Barthélémy

Louise Barthélémy

Florence Lehmann

Florence Lehmann

Marianne Anselin

Marianne Anselin

Come assaggio di tutto questo la mostra Reflet(s)-rencontres autour du bijou (organizzata dal Francéclat un comitato professionale di sviluppo economico per l’orologeria e la gioielleria) che è durata solo dal 29 maggio al 3 giugno, ma che nonostante la brevità è stata realizzata con grandi mezzi. Gratuita, al Palais de Tokyo (un imponente e famoso spazio di arte contemporanea sul lungo Senna) e con la designer Matali Crasset come madrina.

Sophie Hanagarth

Sophie Hanagarth

Patricia Lemaire

Patricia Lemaire

Incentrata sul “savoir faire à la française” e articolata in un percorso anche didattico-esplicativo sul gioiello e le sue tecniche, le gemme e la loro origine, la mostra ha dato anche grande spazio al gioiello contemporaneo di Francia, ed è proprio lì che volevo arrivare. Nella parte intitolata Laboratoire de création 11 autori di cui potete vedere qui fotografati alcuni lavori in display. Credo che li conosciate quasi tutti, di alcuni di loro ho già parlato in questo blog. Sono Sophie Hanagarth, Marianne Anselin, Monika Brugger, Florence Lehmann, Louise Barthélémy, Patricia Lemaire, Claire Wolfstirn, Andrea Piñeros, Agathe Saint Girons, Hyun Joung Lee e il collettivo di quattro artisti Hypernuit.

Agathe Saint Girons

Agathe Saint Girons

Claire Wolfstirn

Claire Wolfstirn

Read Full Post »

Chiara Scarpitti in ambientazione design

Come vi dicevo, ieri sera inaugurazione di Microcosmi preziosi – il gioiello contemporaneo a Roma nel negozio show-room di Boffi. Tutto da scoprire il piano inferiore, immenso. Piacevole vedere i gioielli ambientati in bagno e cucina (di lusso). Qui di seguito un piccolo reportage fotografico.

I gioielli di Luigi Mariani con sfondo di cucina

Agnieska Kiersztan

Francesca Gabrielli

Orietta Bomè

Luisa Bruni

Fernando Betto

Stefania Lucchetta

János Gábor Varga.dietro ai fornelli…

… e in primo piano

Barbara Uderzo

Enrico Franchi

Claudio Ranfagni

 

Read Full Post »

Monica Cecchi

Intervista con Monika Zampa, direttore della Galerie Louise Smit ad Amsterdam.

Interview with Monika Zampa, Director, Galerie Louise Smit, Amsterdam.

Twenty-five years of activity, 25 years of contemporary jewellery for Galerie Louise Smit. How do you describe the main characteristics of your gallery in the international panorama? 

The gallery stands as a significant symbol within the historic development of contemporary jewellery in the Netherlands and worldwide. It acts as a crucial point where the highest quality of work within the contemporary jewellery can be seen. Our jewellery selection combines a steady group of established international artists and a growing segment of promising young talents. We strongly believe in the emerging young talents, and welcome them in the gallery. We exhibit around 40 artists from the Netherlands and abroad (amongst them artists from Japan, Russia, Israel, Czech Republic, Portugal, Germany etc).

Christel van der Laan

It seems to me that this past year you have increased the initiatives of the gallery: beside the exhibitions there is  a newsletter, conferences with the artists… Do you think that the role and the mission of contemporary jewellery galleries have changed? 

Yes that’s correct. Since September 2011 I became the new representative of the gallery. I  have increased the gallery’s visibility on the internet and added some new activities. My aim is: striving to introduce the field of contemporary jewellery, as an art form, to a wider public and  to get younger people being interested in the contemporary jewellery. I am using a variety of media, which are very attractive to the younger generation ( facebook, newsletters, new events called “Meet the artist”, the new website…).

The new website has a fresh look, focusing on the visual aspects It is easy and transparent to view. It includes videos, ebooks, and other aspects related to jewellery where bloggers and others can advertise on the side for free (coming out in 2 weeks) http://www.galerielouisesmit.nl

Meet the Artist is a new event, where the public can meet a young artist personally at the gallery and learn about his/her latest work, drives and passions in art. The atmosphere is strictly informal atmosphere, with music and home made cooking (prepared by me)J and it’s lots of fun.

The newsletter has regular updates of what is going on in the gallery and introduces new artists, videos and ebooks. It’s very visual.

The world is different now than it was 25 years ago, with the introduction of internet and social media; the speed of informational distribution is crucial. In order to be in the centre, the galleries MUST adapt to the current market.

Nora Rochel

Do you think that the economic situation also influences the client/ collector’s choice. His/her personal “taste”?

No, I do not think that taste is influenced by the current economic market. Taste stays the same. What changes is the clients choice of timing, what to buy and when. People are much more cautious with a potential purchase. Taking their time to consider if the new piece fits into their private collection or not.

Timothy Information Ltd

Generally speaking do you think that contemporary jewellery as an art form is still reserved for the “select few” or do you think that is becoming an art form appreciated by the public at large?

Based on my experience at international fairs and from the gallery, the general public does appreciate the art of conceptual jewellery. They are truly fascinated by the form, color, playfulness, choice of material and creativity of the jewellery. Conceptual art jewellery is a relatively new art field, a larger population of art lovers is unaware of the conceptual jewellery art form. We – the field – need some serious marketing, making it more trendy and accessible.

Beppe Kessler

Regarding Collect, which artists of the 2012 edition would you highlight? And what pieces do you find particularly exciting to exhibit?

It is a difficult question for me to answer, as I stand behind and promote all my artists equally! There will be many excellent pieces shown at our stand. To highlight the few I would like to present (mostly young artists). Réka Fekete makes large wall objects and jewellery size sculptures, very playful; Jasmin Matzakow creates beautiful and precise dedication to material… wood; Dana Hakim has extraordinary attention to detail and uses material from music boxes; Nolia Shakti focuses on concept consumerism, using Nespresso capsules and gold; Christel van der Laan is a Dutch artist living in Australia who uses sharp colors/shapes of the land; Timothy Information Ltd. is a London based artist with anarchistic view; Monica Cecchi is an Italian artist who uses tin in an amazing way; Doris Betz has had a long term dedication to silver as her main material; Nora Rochel focuses on the sustainable flower world; Beppe Kessler makes wearable balsa sculptures.

Nolia Shakti

Read Full Post »

Maura Biamonti

Ecco chi ha vinto il Premio Torre Fornello dei Gioielli in Fermento e le motivazioni. Maura Biamonti per l’allegria e ironia nell’elaborazione del tema. Annamaria Iodice per il miglior racconto del legame tra passato, presente e futuro, interpretazione in chiave moderna del contesto culturale e artistico.

Annamaria Iodice

Più due menzioni speciali: a Corrado Demeo per essenzialità e sintesi nella rielaborazione simbolica del tema). E Alessandro Petrolati per l’aspetto compositivo e lo studio progettuale nell’accostamento dei materiali.

Read Full Post »

Corrado Demeo

Si sentono già ribollire allegramente i gioielli dei 50 partecipanti all’edizione 2012 (la seconda) di Gioielli in Fermento – Premio Torre Fornello, una mostra concorso sui colli piacentini, che si apre domani alle 16.30.

Maximilian Czerny

Il luogo, La Vigna delle Arti a Fornello di Ziano Fiorentino, è bellissimo, vitale eppure di pace assoluta. I gioielli parlano di viti e di grappoli, di terra, di vino, di lavoro e di allegria e saranno “giudicati” da una giuria esperta della quale fanno parte anche Graziano Visintin e Maria Rosa Franzin. Due, saranno i premi. A questo punto in attesa di sapere i vincitori, non mi resta che aggiungere che la mostra proseguirà fino al 26 maggio.

Alessandro Petrolati

Read Full Post »

Galerie Hélène Porée

A Parigi, Galerie Hélène Porée, fino al 30 novembre trovate il duetto Mirjam Hiller, con le sue spillone colorate e senza saldature, e Brigit Hagmann con i suoi collier di argento ossidato. Dal primo dicembre invece fino al 31 la mega esposizione natalizia pro regali con, oltre tra gli altri Bettina Speckner e Peter Hoogeboom.

Helena Lindholm

Poi trovate l’artista svedese Helena Lindholm alla galleria Platina di Stoccolma dal 24 novembre al 23 dicembre.

Galleria Oona

A Berlino dal 2 dicembre alla galleria Oona si apre la mostra Crystals. Invece alla galleria Stühler fino al 28 gennaio una sfilza di nomi di grosso calibro da Giampaolo Babetto a Gijs Bakker a Ruud Peters a Stefano Marchetti ad Annamaria Zanella per la mostra Schmuck Kunst Schmuck.

Galleria Stühler

A Londra alla galleria Electrum si festeggiano i 40 anni con All that Glitters is not Gold (sottotitolo: from paper to Platinum and Silk to Silver) fino al 7 gennaio. Anche qui con una quantità infinita di artisti tra i quali i focus artists sono  Minoru Hotta, Daphne Krinos e Susan May.

Minoru Hotta

Dal 4 dicembre alla galleria Abovo a Todi scoprirere Michelle Griffiths con i suoi gioielli shibori oltre a Dorit Schubert, Hilde Janich, Jacqueline Lillie, Nel Linssen, Petr Dvorak, Tammy Child, Tania Clarke Hall, Ulrike Hamm, Yoko Izawa.

Galleria Abovo

A Torino il 7 dicembre si apre la terza edizione di Forma vs Materia allo Spazio Cristiani con 33 artisti da Dana Hakim a Stefania Lucchetta a Edgar Mosa, da Agnes Larsson ad Adam Grinovich al gruppo Artifizio. Fino al 31 dicembre.

Eunjae Baek

Siamo arrivati a Firenze (via dei Serragli 79r) dove dal 7 al 31 dicembre il Collettivo 1×1 formato da Eugenia Ingegno e Margherita de Martino Norante propongono direttamente al pubblico non solo i propri gioielli, ma anche quelli di altri giovani  e bravi creatori (in alcuni casi davvero molto bravi e da tenere d’occhio). Prezzi quasi d’artista (cioè molto interessanti). È il secondo anno dell’iniziativa natalizia. Questa volta ci presentano oltre a se stesse: Eunjae Baek, Marlene Beyer, Andrea Coderch, Isabel Dammermann, Elinor de Spoelberch, Wen-Hsien Carissa Hsu, Sayaka Ito, Geraldine Nishi, Anna Helena Van De Pol de Deus, Gabi Veit.

Read Full Post »

Older Posts »